Economia, business, innovazione.

Festival Nazionale delle Università, Giusti e Aprea “Dobbiamo rispondere ai bisogni delle nuove generazioni”

ROMA (ITALPRESS) – Previdenza sociale, transizione demografica e mix generazionale sono stati i temi trattati nel corso della
seconda giornata di lavori all’Università degli Studi LINK di Roma, dove si sta svolgendo la terza edizione del Festival
Nazionale delle Università. Ad aprire i lavori è stato Carlo Alberto Giusti (Rettore dell’Università degli Studi Link), che ha dichiarato: «Nella terza edizione del festival, abbiamo raccolto ancora una volta grande entusiasmo da parte dei giovani. È per questo che dobbiamo essere a loro disposizione e ascoltarli deve essere un dovere per le istituzioni e, in particolar modo, per il sistema universitario italiano. Dopo la pandemia, con ancora maggior forza, i ragazzi hanno urlato
di voler essere ascoltati ed eventi come questo li rendono protagonisti per potersi esprimere». Presente in sala anche Valentina Aprea (responsabile nazionale scuola di Forza Italia): «Questo Festival è una grande opportunità che ha un’ambizione ancora più grande: individuare le strategie per trasformare il nostro Paese, che dà troppo poco spazio ai
giovani. Bisognerebbe, invece, scommettere sulle loro competenze e sulla loro passione. I ragazzi che sono intervenuti ci hanno detto, chiaramente, che vorrebbero andare all’estero per lavorare o studiare. Dobbiamo lanciare un appello affinché ci sia una preparazione internazionale trasversale, con conoscenza delle lingue, della tecnologia e della geopolitica. Solo così i giovani potranno aiutarci a far tornare il nostro Paese tra le potenze mondiali». Ubaldo Livolsi (Livolsi&Partner), intervenuto nel panel “Pensione Millennials”, ha detto: «Se la maggioranza dei ragazzi pensa di andare all’estero, evidentemente le prospettive di futuro in Italia non sono buone. Dobbiamo puntare sulle nuove generazioni per far crescere il nostro Paese, e la responsabilità della classe dirigente deve essere questa: programmare in grande il futuro».
“Italia 2045. Una transizione demografica e razionale” è stato invece il tema del quale ha parlato Alberto Brambilla (Presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali): « Dai giovani sentiamo sempre la frase fatta “non andrò mai in pensione”. Non è così, visto che il nostro sistema previdenziale è stato modernizzato con un metodo di calcolo contributivo. Il consiglio è quello di imparare a leggere le previsioni previdenziali e conoscere i fondi pensione complementari. Così problemi non ce ne saranno. Del resto anche dopo la seconda guerra mondiale si diceva che non ci sarebbero state più pensioni e invece… Altro consiglio utile è andare verso un sistema di pensione integrativa. Questo perché l’Italia, tra i paesi OCSE, è quello che è cresciuto meno». La terza edizione del Festival Nazionale delle Università è
realizzata con il patrocinio del Comune di Roma, della Regione Lazio, dell’Agenzia Italiana per la Gioventù e del Consiglio
Nazionale dei Giovani, con la partecipazione di ITA Airways e BPER Banca.
-foto ufficio stampa Festival Nazionale delle Università –
(ITALPRESS).

Torna in alto