Commercio: Istat, vendite novembre -0,4%, +12,5% su anno

Le vendite al dettaglio iniziano a risentire dell’emergenza bollette scoppiata lo scorso ottobre e della crescita dei prezzi al dettaglio che ha caratterizzato gli ultimi mesi del 2021. Lo afferma il Codacons, commentando i dati forniti oggi dall’Istat.

I numeri sul commercio non sono affatto incoraggianti, e confermano le nostre preoccupazioni. La riduzione delle vendite su base mensile è il segnale che le famiglie hanno iniziato a contrarre i consumi a fronte della crescita dei prezzi al dettaglio e dei rincari delle bollette di luce e gas. Irrilevante l’aumento delle vendite su base annua, una illusione ottica legata alle chiusure che hanno interessato molti esercizi commerciali nel mese di novembre 2020.

Il rischio concreto è che l’emergenza prezzi e bollette che sta investendo il paese metta in ginocchio il commercio, determinando una forte contrazione dei consumi nel corso del 2022. A fronte di tale situazione i provvedimenti adottati dal Governo appaiono insufficienti, e servono ulteriori sforzi per contrastare l’avanzata di prezzi e tariffe e sostenere il potere d’acquisto delle famiglie che si sta erodendo giorno dopo giorno.

Torna su