Borsa di Milano, effetto su Piazza Affari

La notizia dell’incarico affidato a Mario Draghi dal presidente Sergio Mattarella per formare un nuovo governo ha sicuramente avuto un impatto significativo sui principali indicatori italiani. In una giornata che vede in verde tutte le liste europee (influenzate anche dalle chiusure asiatiche e estere) il ritorno del FTSE MIB è di oltre il 2%, con un gap notevole rispetto alle altre borse europee. Anche guardando al mercato obbligazionario, gli spread hanno subito un notevole restringimento (circa 0,10%) proseguendo un trend già in atto da marzo e portando il decennale italiano a circa lo 0,55%.

“La reazione del mercato, quindi, c’è stata ed è stata positiva”, spiega Michele Morra, Portfolio Manager di Moneyfarm. “Gli investitori sembrano gradire la notizia. Ricordiamo, tuttavia, che a seguito della crisi del governo, gli spread avevano subito un allargamento simile e il FTSE MIB una sottoperformance simmetrica, quindi capiamo che probabilmente ciò che piace agli investitori è soprattutto la possibilità di una risoluzione. e un ritorno alla stabilità del governo, necessario anche per non dissipare gli aiuti derivanti dal Recovery Fund.

Nel medio periodo, un effetto positivo potrebbe essere rappresentato dalla capacità (o dalla percezione che hanno gli investitori) di Draghi di sfruttare la sua autorità e la sua capacità negoziale a livello europeo per facilitare il dialogo sul programma europeo di investimenti, rafforzando le relazioni tra i paesi core dell’Eurozona “.

Torna su