Economia, business, innovazione.

A un italiano il premio Sostenibilità del Chelsea Flower Show

LONDRA (REGNO UNITO) (ITALPRESS) – Il designer di giardini e paesaggista italiano Giulio Giorgi si aggiudica il primo premio assoluto per la sostenibilità ambientale con “The World Child Cancer Nurturing Garden”, il giardino da lui disegnato per il Chelsea Flower Show di Londra. Lo comunica il direttore dell’Istituto italiano di Cultura a Londra Francesco Bongarrà, che proprio nelle scorse settimane ha affidato in Istituto a Giorgi una importante conferenza sul tema del design e della sostenibilità dei giardini. Il Chelsea Flower show è la più grande ed importante esposizione floreale della Gran Bretagna. Tra le più antiche e frequentate al mondo (risale alla prima metà dell’Ottocento), è organizzata annualmente dalla Royal Horticultural Society (RHS) al Royal Hospital Chelsea ed è inserita tra le manifestazioni della stagione sociale, rappresentando anche un frequentatissimo ed ambitissimo evento per l’alta società londinese. Giorgio si è si è formato in Agraria ed ecologia in Italia, Francia e Norvegia e ha lavorato per diversi anni nella ricerca agricola biologica. Esercita la professione di landscape designer dal 2007.
“Abbiamo ritenuto che il World Child Cancer Nurturing Garden si distinguesse come un bellissimo esempio di fusione tra tecniche antiche e moderne, in cui Giulio ha utilizzato la stampa 3D. Il giardino è stato realizzato utilizzando prodotti fatti interamente di terra e legno e nella sua costruzione non sono stati usati strumenti elettrici, solo utensili manuali, quindi è un ottimo esempio di come possiamo progettare e costruire giardini in modo più sostenibile in futuro”, ha detto Malcolm Anderson, responsabile sostenibilità della RHS e giudice della manifestazione. “Complimenti a Giulio Giorgi, che a Londra si aggiudica un importantissimo riconoscimento in tema di sostenibilità ed innovazione, ambiti su cui l’Italia, anche grazie al suo lavoro, può vantare una preziosa leadership”, sostiene Francesco Bongarrà.

– Foto Francesco Bongarrà –

(ITALPRESS).

Torna in alto