Crisi d’impresa: è imperativo un cambiamento culturale, anche da parte dell’imprenditore

È urgente un cambiamento culturale a tutela dell’azienda prima che entri nella fase concorsuale. Una svolta anche da parte dell’imprenditore che deve cambiare mentalità per poter cogliere il prima possibile i segnali sentinella della crisi, quando è ancora possibile salvare l’azienda, affidandosi alle mani di una figura terza, di un facilitatore, esperto della crisi che, da esterno alla procedura, equidistante dalle parti e con grande equilibrio, possa contribuire a conservare l’impresa. Una figura formata, un tecnico con una forte responsabilità professionale ed etica che possa affiancare l’imprenditore, senza sostituirlo, a garanzia dei creditori e delle altre parti interessate, agevolando le trattative necessarie per il risanamento aziendale.

È questo il messaggio emerso nel corso della due giorni voluta dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo, “Il valore della crisi”, con l’obiettivo di fotografare – insieme ai massimi esperti italiani della materia, giudici, professionisti e docenti universitari – un quadro concreto degli strumenti a disposizione delle imprese per affrontare la crisi, partendo dal Decreto legge 118/2021, che ha introdotto misure urgenti in materia di risanamento aziendale. Il tutto tenendo a fuoco il fattore tempo soprattutto di fronte ai nuovi scenari disegnati dall’emergenza Covid, che, come è stato detto da monsignor Giulio Della Vite, “ha ‘freezzato’ tutto: ha congelato la società, i rapporti, il lavoro, la scuola, la finanza”.

“Siamo pronti a collaborare con le massime istituzioni per comprendere il processo e superare la situazione di squilibrio prima che si arrivi all’insolvenza. In attesa dell’entrata in vigore del Codice, si fa strada una nuova procedura di composizione negoziale della crisi. È compito di noi professionisti aiutare le imprese a scegliere il percorso più opportuno, cercando di contenere tempi modo da individuare una soluzione alla crisi e perseguendo, dove possibile, l’auspicata ripresa” ha sottolineato poi la Presidente dell’ODCEC di Bergamo Simona Bonomelli in apertura dei lavori.

E a proposito del rinvio dell’entrata in vigore del Codice della Crisi Ilaria Pagni, Ordinario di diritto processuale civile nell’Università di Firenze e membro della commissione al lavoro per adeguare la legislazione fallimentare alla nuova direttiva ha sottolineato: “La decisione di prorogare al 2022 l’entrata in vigore del Codice della Crisi d’impresa era inevitabile. Introdurlo il 1° settembre e modificarlo subito dopo non avrebbe avuto senso, sarebbe stato come cercare di ricomporre un mosaico intervenendo su un solo tassello. Il DL 118/2021 è uno strumento compensativo al rinvio, che con il tempo si inserirà nel Codice. È un’opera di armonizzazione che richiederà tempo, ma la commissione ha lavorato di compensazione, intercettando il momento di crisi e lavorando in anticipo in risposta alle esigenze delle imprese colpite dagli effetti della pandemia”.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi