Con Andrea Maria Mazzaro si definiscono le linee guida dei manager del futuro

Andrea Maria Mazzaro, presidente di Federprofessional, è l’ospite del settimo episodio del podcast “Casa Brachino” ideato e condotto da Claudio Brachino, personalità del giornalismo televisivo e dei media online. Nel format di circa mezz’ora, gli argomenti centrali dell’intervista sono le nuove competenze che saranno necessarie per il mondo di domani, le professionalità utili a modificare la figura del dipendente per come siamo abituati ad immaginarlo, e le diverse skills e responsabilità da implementare.

Queste innovazioni nel mercato del lavoro devono innanzitutto passare per la formazione dei più giovani, per questo Mazzaro spiega come si siano mossi attivamente per provare a colmare il vuoto fra l’istruzione (con particolare attenzione a quella universitaria) e le concrete richieste del mondo dell’impiego grazie alla creazione di un corso di Compliance Manager. Proprio questa sarà presto una forma di managerialità che si inserirà nelle necessità del lavoro, parliamo di una persona dotata di visione d’insieme trasversale grazie alla quale potrà supportare l’azienda.

Un supporto che sia strettamente legato alla conformità delle direttive aziendali, che ne garantisca l’integrità e sia in grado di elaborare una policy interna. Per rendere operativo tutto ciò, bisognerà anche tornare a valorizzare i percorsi umanistici, perché, secondo Andrea Maria Mazzaro, il rischio che si corre oggi è quello di arrivare a delegare troppo alle macchine fino a creare un rapporto con esse di vera dipendenza lavorativa, e avere quindi difficoltà a disconnettersi anche solo per un’ora al giorno.

Il rapporto di Confcommercio su professionisti autonomi e atipici, d’altra parte, riporta un incremento di occupati di quasi il 90% in dieci anni (particolarmente nel settore della consulenza) , a fronte però di un sostanziale calo del reddito che si attesta su una media di quindicimila euro l’anno. Parte di questo aumento è dovuto sia ad ex-dipendenti costretti a reinventarsi partite iva, sia alla massa di giovani che si sono affacciati nel mondo dei lavori non ordinistici. Il covid ha chiaramente avuto un ruolo nel peggioramento del quadro generale, perciò sono necessari degli ammortizzatori sociali che garantiscano tutele anche per questa categoria di lavoratori. Mazzaro parla ad esempio di un sostegno in campo sanitario che passi per una serie di sgravi fiscali.

Per quanto riguarda il futuro e il rilancio dell’Italia, sarà molto importante la visione fornita dai manager, slegati sempre più dall’idea di appartenenza ad una sola realtà lavorativa. Non farà eccezione la Pubblica Amministrazione, e a tal proposito il presidente di Federprofessional ricorda come anche questa debba mettersi nell’ottica di un mercato in cui alcuni aspetti dirigenziali dovranno essere affidati a manager sciolti dalla rigidità di una figura istituzionale.
Il faccia a faccia ruota, insomma, attorno al dinamismo da contrapporre alla staticità dei manager del passato per farsi trovare preparati di fronte alle nuove sfide del mondo del lavoro.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi